risoluzione video: 1024x768 1280x1024

la Riflessione

Educazione
Ciò comporta al tempo stesso sostenere il diritto dei genitori all'educazione morale e religiosa dei propri figli. E a questo proposito vorrei manifestare il mio rifiuto per ogni tipo di sperimentazione educativa con i bambini. Con i bambini e i giovani non si può sperimentare. Non sono cavie da laboratorio. Gli orrori della manipolazione educativa che abbiamo vissuto nelle grandi dittature genocide del XX secolo non sono spariti; conservano la loro attualità sotto vesti diverse e proposte che con pretesa di modernità spingono i bambini dei giovani a camminare sulla strada dittatoriale del pensiero unico. Mi diceva un grande educatore: " A volte non si sa se con questi progetti-riferendosi a progetti concreti di educazione -mandi un bambino a scuola o in un campo di rieducazione"
Papa Francesco all' Ufficio per l'infanzia
11 aprile 2014
Quale futuro per l'Europa?

Lunedì 26 marzo alle ore 17 presso il Cenacolo del Conservatorio delle Mantellate di Firenze, g. c.,Viale Lavagnini 11, Firenze

QUALE FUTURO PER L'EUROPA? RADICI CRISTIANE E RELATIVISMO RADICALE; POPOLI E POLITICHE  DELL'UNIONE

Ne discutono

  • Prof. Maurizio Cotta - Ordinario di Scienza Politica nell'Università di Siena
  • Prof. Stefano Fontana - Direttore Osservatorio Cardinale Van Thuân sulla Dottrina Sociale della Chiesa

Conduce l’incontro
Dott. Marcello Masotti - Presidente Scienza&Vita Firenze

Aderiscono: As. Medici Catt. Fi, As. Fioretta Mazzei Fi,  M.C.L. Tosc., MOICA, Mov. p. la Vita Fi., Un. Giuristi Catt. Fi

 
Quale futuro per l'Europa?

Radici cristiane e relativismo radicale; popoli e politiche dell'Unione

di Marcello Masotti

Il tema dell'Europa è ormai all'ordine del giorno della politica, dell'economia , nei dibattiti culturali.
La visione cristiana dell'uomo è oggi insidiata da costumi e correnti di pensiero  laiciste e relativiste e non detta più scelte di vita che invece sempre più vengono tratte da modelli di comportamento secolari all'insegna dell'individualismo e del consumismo. C'è una sorta di pragmatismo, considerato inevitabile accettazione di un male minore, che giustifica il compromesso o la negazione di valori umani essenziali  (vita , famiglia, educazione). C'è, poi, anche la sfida dell'immigrazione islamica.
Nella politica e nelle  istituzioni l'Europa non corrisponde all'originario disegno dei padri fondatori. De Gasperi, Adenauer , Schuman, tre cattolici, avevano immaginato  un'Europa con fondamenti comuni derivanti dalla storia e dalla cultura e in particolare dalla eredità cristiana con il richiamo alla dignità inviolabile della persona umana derivata dalla apertura alla trascendenza, capace di ispirare la solidarietà e la sussidiarietà per costruire  "l'Europa dei popoli" e non del centralismo burocratico e degli interessi forti.

Leggi tutto...
 
Copyright © 2018 Scienza&Vita – Firenze – p.IVA 94137430487. Tutti i diritti riservati.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information